Vaiolo delle scimmie a Firenze: Nuovi Casi, come avviene il contagio

Undici casi di vaiolo delle scimmie sono stati registrati a Firenze. Gli enti di sanità pubblica toscani hanno condotto le indagini epidemiologiche per individuare eventuali contatti e hanno segnalato i casi al Ministero della salute nei giorni precedenti.

Come avviene il contagio

Si ritiene che il contagio abbia avuto luogo durante il periodo delle festività natalizie. Inoltre, sono state implementate tutte le disposizioni indicate nella circolare ministeriale, che includono l’autoisolamento e la divulgazione di informazioni sulle pratiche igieniche e sui comportamenti da seguire per prevenire la diffusione della malattia ad altri individui.

La Regione, in collaborazione con le autorità sanitarie locali, è in stretto contatto per monitorare costantemente la situazione, attualmente stabile e sotto controllo.

La trasmissione del vaiolo delle scimmie è una condizione virale infettiva rara, riscontrata principalmente nei Paesi tropicali dell’Africa centrale e occidentale, sebbene nel 2022 siano stati segnalati focolai in varie nazioni, inclusa l’Italia. La trasmissione può avvenire tramite stretto contatto fisico, compresi gli atti sessuali, con un individuo infetto, i suoi fluidi corporei o le sue lesioni cutanee.

Sintomi

La malattia si manifesta con sintomi simili a quelli del vaiolo, ma in forma meno grave, con un periodo di incubazione di circa dodici giorni dall’esposizione e una durata compresa tra due e quattro settimane. Febbre, mal di testa, dolori muscolari, linfonodi ingrossati ed eruzioni cutanee sono i principali sintomi. Il vaiolo delle scimmie può presentare variazioni cliniche: alcuni individui manifestano sintomi lievi, mentre altri possono sviluppare forme più gravi della malattia.

Vaccinazione

Il virus, comunemente conosciuto come monkeypox nel gergo medico-scientifico, non si trasmette facilmente al di fuori dei rapporti intimi, pertanto la sua diffusione è limitata. Le persone immunocompetenti non sono esposte a rischi significativi di complicazioni. I sintomi principali del virus come eruzioni cutanee e linfonodi ingrossati, consigliando di consultare immediatamente un medico in presenza di tali sintomi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *